Quali sono le leggi sulla violenza domestica in texas?

Panoramica

Le statistiche accumulate dal Texas Health and Human Services Commission nel 2008 hanno rivelato che nel corso dell’anno sono stati quasi 190.000 incidenti di violenza domestica. Il totale comprendeva 136 donne uccise dal loro partner intimo. Questi incidenti hanno portato a quasi 12.000 adulti che ricevono riparo dal loro partner di abuso e oltre 15.000 bambini. Il legislatore del Texas ha emanato leggi specificamente intese a prevenire e punire la violenza domestica.

Violenza familiare

La violenza familiare o la violenza domestica è definita dallo statuto del Texas come qualsiasi atto di un membro di una famiglia o di una famiglia contro un altro che provoca un danno alla vittima. Il danno può includere danno fisico, corporeo, assalto sessuale o qualsiasi minaccia che pone una vittima in timore di un danno imminente. La violenza domestica può anche includere la violenza di incontri, che come definito dallo statuto del Texas è un atto di un individuo che è destinato a danneggiare qualcuno con cui l’individuo è in una relazione di datazione. Infine, la legislazione del Texas ha incluso l’abuso sessuale e l’abuso sessuale verso un figlio nella definizione di violenza domestica.

Dovere della polizia

Quando un agente di polizia indaga una situazione che può comportare violenze domestiche, l’ufficiale ha il dovere di determinare se l’indirizzo è concesso in licenza come casa di cura. L’ufficiale deve anche consigliare a qualsiasi vittima potenziale dei loro diritti d’aiuto, anche se l’ufficiale non faccia un arresto. I diritti includono chiedere ad un procuratore di accusare denunce contro l’aggressore, richiedere un ordine di protezione e chiedere aiuto da un rifugio o un’organizzazione di supporto. L’ufficiale ha anche la facoltà di restare con la vittima e permettere alla vittima di rimuovere qualsiasi proprietà che lei afferma di essere sua stessa.

Ordini protettivi

Una vittima di violenza domestica può chiedere alla corte di emettere un ordine di protezione che impedirebbe continui abusi. In base alla situazione, il procuratore può richiedere un ordine di protezione che impedisca agli abusi di commettere ulteriori atti di abuso, maltrattare la vittima o addirittura avvicinarsi alla vittima o ai bambini coinvolti. Per essere ammissibile ad un ordine di protezione, la vittima deve essere un familiare dell’abuso, vivere con l’abuso o aver vissuto in passato con l’abusatore o avere un figlio con l’abusatore. Una vittima coinvolta in un divorzio in attesa è automaticamente ammissibile.