Cosa c’è di fatto dentro le patate fritte di mcdonald?

Sono vegetariani di McDonald’s French Fries? No!

La testa è in su, vegetariani e vegani: c’è sapore naturale di manzo in quelle patatine!

E cosa succede al resto di quegli ingredienti?

Ecco perché

Quindi, qual è il verdetto finale sulle frittelle di McDonald’s?

Circa 50 anni fa, McDonald’s cucinava le sue patatine fritte in grasso di manzo. Quando è passato ad una miscela di olio vegetale, non ha voluto che le patatine fossero perdere il loro sapore famoso, così hanno optato per aggiungere sapore naturale di manzo alla miscela. Il frumento idrolizzato e il latte idrolizzato vengono utilizzati come ingredienti di partenza degli aromi.

Quindi, abbastanza sconcertante, queste patatine non sono vegetariane, né vegane!

Nel 2002, McDonald’s pagò 10 milioni di dollari per i membri di gruppi vegetariani, inclusi gli indù e gli Sikh che avevano inciso la catena per non aver rivelato che il tallone di manzo è stato incluso tra gli ingredienti delle patate fritte apparentemente vegetariane. (Il link all’articolo del New York Times è collegato qui sotto nella sezione Risorse nella parte inferiore di questo articolo.)

1. Olio vegetale (miscela): Per fare patatine fritte bisogna friggere profumate alcune patate, un carboidrato altrimenti sano, in qualcosa di grasso e grasso.

Le sponde di McDonald si danno due volte in un bagno d’olio. Secondo Ochner, i produttori hanno tagliato e bollito e forse li hanno frittati una volta prima di congelarli e li trasportano in ristoranti, dove vengono fritti nuovamente.

Ecco cosa va in quel tubo di olio di patata calda

A) Olio di canola: Questo olio da cucina comunemente utilizzato è generalmente considerato “buono per te” rispetto ad altri nella sua categoria. È difficile dire quanto di questo particolare olio viene usato rispetto alle opzioni meno sane e addirittura più fatti. Perché l’olio di canola è un po ‘più caro, Ochner specula che McDonald’s probabilmente usa meno della buona roba e di altri, come l’olio di mais e l’olio di soia.

B) Olio di soia idrogenato: Quando l’olio di soia regolarmente passa attraverso un processo di idrogenazione, i suoi grassi insaturi diventano grassi saturi, il che rende più facile cucinare e contribuire ad aumentare la conservazione. Il lato negativo è che il nuovo grasso diventa anche un grasso trans, che è stato fortemente legato alle malattie cardiache.

Pensi che la recente chiamata obbligatoria a livello nazionale per la rimozione dei grassi trans in tutti gli alimenti avrebbe costretto il McDonald’s a ripensare alla sua ricetta. No. Ochner afferma che la definizione della FDA di “zero grassi trans per servire” significa meno di 1 grammo per cucchiaio e che McDonald’s ha trovato la sua scappatoia e continua a servire una quantità relativamente bassa di grassi trans nelle sue patatine fritte.

D) Acido citrico: questo conservante comune è considerato sicuro da ingerire, ma c’è qualcosa di preoccupante per come funziona. Se ti ricordi l’allarmante documentario “Super Size Me” di Morgan Spurlock, ricorderai come le patatine di McDonald’s potranno durare per mesi e non si rompono mai, continuando a sembrarle come li avete comprati ieri.

E) TBHQ (butilidrochinio terziario): Questo conservante super potente, trovato in una grande varietà di alimenti trasformati, è quello che potrebbe aiutare l’acido citrico a mantenere le patatine a lungo morte diventando zombie. Anche se è anche detto di essere sicuro, gli studi sugli animali hanno collegato ad ulcere allo stomaco e danni al DNA.

2. Dextrose: un’altra parola per lo zucchero, questo è il terzo ingrediente delle patate fritte di McDonald’s, seguendo patate e olio.

Adesso perché un tale cibo saporito ha bisogno di un pizzico di dolcezza? Beh, è ​​semplice: lo rende più gustoso e aumenta anche la dipendenza e le voglie. Nuove ricerche dimostrano che il corpo può trasformare lo zucchero trovato negli alimenti nel grasso corporeo più facilmente di quanto non possa convertire il grasso trovato negli alimenti nel grasso corporeo.

3. Pirofosfato di acido sodico: questo conservante è la ragione per cui le patatine di McDonald conserveranno un colore marrone dorato fresco, piuttosto che trasformarsi in nero quando viene messo in un vasetto per due mesi. Che schifo!

Questo stesso ingrediente si trova spesso in pasticcerie, pudding, waffle, pancake e muffin commercialmente preparati, ed è anche aggiunto a prodotti refrigerati di pasta, latte aromatizzato, salumi, prodotti a base di patate e pesce in scatola.

4. Dimetilpolisilossano: che cosa fa un agente anti-schiumogeno nelle vostre patatine fritte? Abbastanza certamente, questo silicone serve uno scopo: i produttori di McDonald potrebbero aggiungere qualche acqua all’acqua quando bollono le patate prima di friggere e li congelano per la spedizione. Ciò probabilmente aiuta a velocizzare il processo (senza schiuma spargere) e tagliare indietro dopo la pulizia.

Non c’è prova che l’ingestione di queste cose sia dannosa, ma perché vorresti?

IL VERDICT: Tutto sembra piuttosto discutibile, giusto? Inoltre, pensate a quanti vegetariani e vegani (e le persone che vogliono evitare di mangiare carne) hanno inconsciamente ingerito manzo mentre mangiavano queste patate fritte? Perché semplicemente non riescono a denominarli “Beefy Fries” o “French Flavored French Beef” per una totale trasparenza?

LA SENTENZA: Le patatine fritte di McDonald’s contengono ingredienti discutibili e una quantità minima di nutrizione (proteine, vitamine, minerali e antiossidanti).

Detto questo, capiamo che alcuni di voi potranno ancora trovare la canzone sirena di “Vuoi patatine con questo?” Tentando alle tue orecchie (e al tuo stomaco). La nostra speranza è che queste informazioni possano spingerli a mangiare meno spesso, o forse almeno convincerti a scegliere la porzione più piccola di patatine fritte.

Solo ordinando il piccolo rispetto alle grandi patatine, eviterete 270 calorie, 14 grammi di grasso, 2 grammi di grassi saturi e 34 grammi di carboidrati.

E per tutti i vegetariani là fuori che hanno mangiato queste patatine, speriamo che non sei troppo bummed fuori dopo aver letto questo. Almeno ora lo sai!