Quali sono le cause di un fallimento renale acuto dopo la chirurgia del cuore aperto?

Panoramica

La chirurgia cardiaca aperta è qualsiasi tipo di operazione in cui il cuore viene esposto attraverso un’incisione nel torace. La più comune chirurgia del cuore aperto negli Stati Uniti è l’innesto coronarico di bypass o CABG. Una delle complicanze più gravi della chirurgia del cuore aperto è il rene, o il fallimento renale, in cui la capacità dei reni di sbarazzarsi di prodotti di scarto tossici e di mantenere un equilibrio elettrolitico normale è diminuito. L’incidenza di questa complicazione dopo la chirurgia del cuore aperto è altrettanto elevata del 10 percento, secondo il dottor R. Mehta in un articolo del gennaio 2005 del “Journal of the American Society of Nephrology”. Ci sono diverse possibili cause di insufficienza renale dopo la chirurgia del cuore aperto.

Infiammazione

La chirurgia cardiaca aperta, così come molti interventi chirurgici, induce uno stato generalizzato di infiammazione durante e dopo l’intervento chirurgico. Molti interventi cardiaci richiedono l’uso di una macchina cuore-polmone, una macchina che circola sangue mentre l’intervento chirurgico viene eseguito sul cuore, che compongono la risposta infiammatoria. I ricercatori del Centro medico Duke University in uno studio del 2006 hanno riportato prove in un “Heartwire” dell’ottobre 2006 che questa diffusa risposta infiammatoria può danneggiare i reni, portando all’insufficienza renale.

Diminuzione del flusso sanguigno ai reni

L’ipotensione, o la diminuzione della pressione sanguigna, è spesso osservata durante e dopo la chirurgia del cuore aperto. Secondo i ricercatori del Medical Center Duke University, questa diminuzione della pressione sanguigna diminuisce il flusso sanguigno nei reni. Il basso flusso sanguigno del rene è una causa di insufficienza renale acuta ed è una delle cause più comuni di insufficienza renale dopo la chirurgia del cuore aperto.

Placca Emboli

Nei pazienti sottoposti a chirurgia cardiaca aperta, in particolare un CABG, vi è diffusione della placca diffusa delle principali arterie tra cui l’aorta, l’arteria principale che fornisce il sangue al corpo. Durante la chirurgia, pezzi di placca, chiamati embolia, possono rompersi e viaggiare in vari organi, riducendo il flusso di sangue. Uno studio di John Hopkins University School of Medicine pubblicato nell’edizione di aprile 2003 di “Annals of Thoracic Surgery” ha dimostrato che il 48 per cento delle embolie di placca durante la chirurgia del cuore aperto è stato presentato nei reni. Tali embolie embrionali nei reni possono portare a insufficienza renale e alla necessità di dialisi.

Predisposizione genetica

Ci sono prove che alcune persone sono geneticamente predisposte allo sviluppo di insufficienza renale dopo la chirurgia del cuore aperto. Un esempio è uno studio condotto da Popov e dai suoi colleghi e pubblicato nel numero di aprile 2009 della “European Journal of Cardio-thoracic Surgery” che ha dimostrato che i pazienti con un certo tipo di complesso genico, chiamati polimorfismo eNOS 786C / T, Sviluppando insufficienza renale acuta dopo la chirurgia cardiaca.